Riscaldamento del regolatore dell’acquario

[/atkp_list

Test & confronto Riscaldamento del regolatore dell’acquario.

Il miglior riscaldatore regolatore per acquari 2020 a confronto

Test del regolatore dell’acquario

Test di riscaldamento del regolatore dell’acquario: poiché la maggior parte dei pesci d’acquario proviene dai tropici, hanno bisogno di acqua calda. A tale scopo sono disponibili diversi riscaldatori, ad esempio il riscaldatore del regolatore AquaEl EasyHeater da 50 Watt. Il più comune è un riscaldatore controllato da un termostato. Scegliere il wattaggio in funzione del volume della piscina e della temperatura ambiente: a partire da 20° C, sono sufficienti 0,5 watt di potenza di riscaldamento per litro d’acqua. Sotto i 20°C è necessaria una temperatura ambiente di 0,75 Watt. Se il pesce ha bisogno di più di 26°C, scegliere 1 watt per litro.
Tuttavia, anche il riscaldamento non dovrebbe essere troppo forte, altrimenti il rischio di surriscaldamento in caso di guasto del termostato è troppo elevato.
Il posto migliore per le aste di riscaldamento: Posizionare l’asta riscaldante di fronte all’ingresso del filtro senza ghiaia o materiale decorativo e scollegarla sempre quando si cambia l’acqua!
Se si desidera una temperatura uniforme, una crescita rigogliosa delle piante grazie al buon riscaldamento del terreno e all’assoluta sicurezza, si può optare per un sistema di riscaldamento a pavimento con cavo riscaldante e un preciso controllo elettronico della temperatura. Sono pratici anche i termofiltri, che filtrano e riscaldano contemporaneamente sotto controllo termostatico.
La temperatura è monitorata con un buon termometro da acquario. Un termometro a pavimento più un termometro a galleggiante fissabile è utile.

Test di riscaldamento del regolatore dell’acquario: la temperatura corretta è uno dei fattori ecologici più importanti per l’acquario, poiché influisce anche su tutti gli altri parametri ambientali. Gli organismi di origine tropicale richiedono temperature comprese tra i 24 e i 28 °C e presentano le tipiche sintomi di disagio se raffreddato a meno di 20 °C. Per mantenere la temperatura dell’acqua uniformemente alta, vengono utilizzate aste di riscaldamento o il riscaldamento AquaEl EasyHeater da 50 Watt controllato.

Il nostro

Top10 – Raccomandazione per il riscaldamento dell’acquario

[/atkp_list

Test del regolatore dell’acquario:

Indipendentemente dal tipo di impianto di riscaldamento, è molto importante avere una buona circolazione dell’acqua per evitare l’accumulo di calore e quindi spegnere l’impianto prima che il calore possa diffondersi nella piscina. Il riscaldatore, il termometro e i termostati devono essere sempre posti fuori dalla portata degli animali nell’acquario, in quanto possono danneggiare gli animali. Per gli acquari marini è consigliabile dividere l’acquario in una zona più fredda e stazionaria e in una zona più calda e ventilata, poiché i pesci del Mediterraneo sono abituati a temperature invernali dell’acqua che scendono a circa 13°C (86°F). Se si vuole raffreddare artificialmente, l’abbassamento della temperatura dell’acqua può essere ottenuto con un refrigeratore fatto in casa appendendo una serpentina di raffreddamento, attraverso la quale scorre l’acqua fredda, nell’acquario. In linea di principio, ciò rende superfluo l’acquisto di una costosa unità di raffreddamento.

È necessario anche un buon filtro. Nel testo che segue troverete consigli per un filtro pratico e duraturo, vi consigliamo il filtro Tetra Brilliant, che è adatto anche per un test di pulizia del vetro dell’acquario, se necessario.

Il filtro Tetra Brilliant è progettato per fornire acqua limpida. Se le prestazioni del filtro diminuiscono sensibilmente, il filtro deve essere sostituito. Troppi batteri nell’acquario sono nocivi.

In particolare, la composizione chimica dell’acqua dolce varia notevolmente a seconda del tipo di acqua. Ad esempio, il pH della maggior parte dei fiumi della foresta pluviale amazzonica è tipicamente acido, in media tra 5 e 5,6, mentre in alcuni laghi dell’Africa centrale è quasi paragonabile a acqua di mare, cioè tra 8 e 8,5. La misurazione può essere effettuata in modo semplice e veloce con un indicatore o un set di misura adeguato. Se i valori si discostano dai valori ideali, devono essere applicate immediatamente misure correttive adeguate. Un aumento del pH può essere causato, ad esempio, da un accumulo di composti azotati.

Ci sono due tipi di durezza nell’acqua: la durezza permanente (durezza totale) e la durezza temporanea (durezza carbone). La durezza totale (GH) dipende dalla quantità di calcio e magnesio sotto forma di cloruri, solfati, fosfati, ecc.; la durezza carbonatica, invece, dipende dal carbonato di calcio presente. Le acque delle regioni tropicali sono essenzialmente molli, a condizione che scorrono in terreni vulcanici o cristallini, non calcarei. Se vogliamo che i nostri pesci tropicali rimangano in vita a lungo e in buona salute, è essenziale anche un regolare monitoraggio della durezza dell’acqua. L’acqua potabile nelle nostre tubature può essere molto dura in alcuni punti. In questo caso, si dovrebbe diluire con Aqua destillata quando si cambia l’acqua. La percentuale di ossigeno presente nell’acqua corrisponde a circa il 35% di tutti i gas disciolti, con la solubilità dei gas nell’acqua che generalmente aumenta al diminuire della temperatura. L’ossigeno effettivamente presente nell’acquario proviene da un lato dall’aria, dove la dimensione della superficie di scambio aria-acqua è importante in relazione al volume dell’acquario, e dall’altro dalle piante presenti. L’ossigeno disciolto nell’acqua ha un corrispondente valore di equilibrio, che dipende dalla temperatura prevalente dell’acqua, dalla pressione atmosferica e dalla conducibilità dell’acqua.

Vantaggi nell’acquisto su Internet

Se vivete in una città, un paese o un villaggio più piccolo, avete meno possibilità di fare shopping e avete poca scelta. Per questo motivo è particolarmente vantaggioso per voi poter fare acquisti su internet.
Per il resto, lo shopping è molto pratico, facile, comodo e veloce 24 ore su 24, sette giorni su sette.