Splitter per antenna

Test & confronto Splitter per antenna.

Distributore dell’antenna di ricezione

L’antenna della casa è di solito posizionata sul tetto e allineata per catturare praticamente tutti i segnali e poi distribuirli in alta qualità ai singoli televisori. Alcuni sono già dotati in fabbrica di amplificatori d’antenna direttamente sull’antenna, in modo da poter fornire più famiglie o altri soggetti contemporaneamente. In questo modo si risparmia sui costi per i proprietari di case con più affitti e anche i residenti ne sono soddisfatti. Questa moderna tecnologia viene utilizzata principalmente negli edifici residenziali più grandi. Vengono forniti ostelli della gioventù, complessi alberghieri e molte altre case polifunzionali. In qualità di affittuario, di solito troverete un articolo separato per questo „servizio“ nel listino prezzi del noleggio. Tuttavia, se è possibile, almeno in termini di costi, l’installazione di un’antenna parabolica ha più senso, in quanto consente di risparmiare sui costi mensili.

I ricevitori sono destinati e progettati per collegare più televisori ad una singola antenna. Sono adatti sia per il canale che per il sistema Zat. Soprattutto nei vecchi Complessi abitativi, appartamenti o case, il collegamento dell’antenna è spesso installato solo in una stanza. Pertanto non è possibile collegare un secondo apparecchio. Il problema della seconda connessione mancante può essere risolto inserendo un raccordo a T, in gergo tecnico chiamato raccordo a T, come distributore a due vie o anche come distributore per tre dispositivi terminali. Ogni apparecchio supplementare viene collegato dalla presa originale con lunghi cavi d’antenna. Tuttavia, poiché la potenza del segnale diminuisce notevolmente a causa dei lunghi cavi e quindi la qualità dell’immagine e del suono non è più soddisfacente, questa dovrebbe essere considerata piuttosto una soluzione provvisoria. Inoltre, i cavi lunghi possono portare a differenze di trasmissione tra i rispettivi dispositivi terminali, soprattutto se la qualità è scarsa. Questo non va bene né per lo spettatore né per il televisore.

Gli splitter per antenne hanno avuto una funzione importante in passato, e la svolgono ancora oggi. Nel soggiorno vero e proprio il collegamento per la TV e di solito anche per la radio è stato installato centralmente. A causa di questa limitazione strutturale, la posizione del televisore è stata determinata in anticipo. Certo, a quel tempo la TV costava anche una piccola fortuna e probabilmente nessuno si aspettava che i flicker box sarebbero stati in ogni stanza ad un certo punto. A quei tempi non era certo facile installare un televisore nella stanza dei bambini, un ricevitore era un bene indispensabile. E anche se la maggior parte degli appartamenti o delle case costruite oggi hanno prese d’antenna multiple, l’importanza per i ricevitori è ancora oggi grande. Soprattutto nelle zone rurali o nei bacini fluviali. Naturalmente, oggi il ricevitore è ancora l’opzione più economica per la ristrutturazione di vecchi edifici rispetto alla posa dei cavi e alle relative misure di costruzione.

La nostra Top 10 –

Splitter per antenna

[atkp_listid=’Antenna splitter‘ template=’30‘] [/atkp_list]

Digressione tecnica

Gli splitter per antenne svolgono l’importante compito di collegare ed amplificare più sorgenti ad alta frequenza o affondare in impedenza e fase su una singola connessione. A differenza dell’abbinamento di tensione (esempio: sorgenti di tensione a 230 V), con l’abbinamento di impedenza non è possibile combinare semplicemente più sorgenti o lavelli o collegarli in parallelo.

Lo splitter o ricevitore d’antenna è tecnicamente progettato per distribuire il segnale da una singola antenna ricevente a un massimo di cinque ricevitori contemporaneamente. Tipico per molti dispositivi di alta qualità è un amplificatore a banda larga a 12 dB di guadagno, che può essere commutato su una singola uscita. Di solito sono disponibili anche attenuatori da 15 dB sul segnale d’ingresso. Un attenuatore? Sì, perché segnali d’ingresso troppo alti danneggiano chiaramente anche la ricezione. Internamente, la distribuzione avviene tramite amplificatori a banda larga a grande segnale e a basso rumore senza alcuna influenza interattiva sulle uscite. A seconda dell’apparecchiatura, la maggior parte dei dispositivi visualizza la configurazione selezionata tramite LED.

I vantaggi dello splitter d’antenna sono evidenti. Si occupa della distribuzione di un segnale, legato localmente, a più terminali. Se il ricevitore acquistato è di alta qualità per quanto riguarda il software e i componenti installati e in particolare l’uso dei cosiddetti connettori dorati e cavi corti, allora un ricevitore non può ridurre la qualità della trasmissione dell’immagine e del suono. Al contrario. In alcuni casi, la qualità dell’immagine e del suono è persino migliore di quella originale! Tuttavia, se si acquista un ricevitore con una qualità inferiore e poi si posano metri di cavo, la qualità dell’immagine diminuirà notevolmente e la ricezione televisiva non sarà affatto soddisfacente e causerà piuttosto mal di testa. Soprattutto con gli odierni dispositivi standard ad alta risoluzione e la trasmissione digitale di I ricevitori di bassa qualità sono spesso inadatti e non possono distribuire e implementare in alcun modo la qualità dell’immagine fornita. Nelle case più vecchie o durante la ristrutturazione di vecchi edifici, offre molti vantaggi. Ma se la qualità è decente, il vantaggio si perde rapidamente e il divertimento è piccolo. L’attenzione al momento dell’acquisto dovrebbe quindi concentrarsi sui materiali utilizzati, che hanno un effetto diretto sulla qualità. Ricevitori inferiori portano nel peggiore dei casi a ritardi di tempo e quindi causano fastidio quando si guarda la TV (immaginate che la Coppa del Mondo stia già facendo il tifo per i vicini e siete ancora nella metà del tempo).

– Prestare attenzione alla qualità al momento dell’acquisto
– Evitare cavi troppo lunghi, se possibile
– Il ricevitore deve avere almeno collegamenti in oro

Se è necessario un distributore d’antenna per collegare un altro apparecchio per guardare la TV in altre stanze, è inevitabile informarsi in anticipo e avvicinarsi al soggetto con una certa competenza. Soprattutto, chiedetevi quale segnale state ricevendo. Un normale ricevitore può essere perfetto per la TV via cavo, ma non è in grado di decifrare un segnale satellitare o può essere sopraffatto dai vecchi segnali analogici. Le recensioni in vari negozi o forum o anche i consigli della vostra azienda locale di cavi possono aiutarvi ad evitare problemi e a decidere un ricevitore di alta qualità che sia l’ideale per la vostra connessione.

Se più occupanti di una casa usano un solo ricevitore, non può far male chiedere ai vicini. Forse anche il padrone di casa può essere consultato, perché c’è anche la possibilità di un unico diffusore multiplo che viene installato centralmente nella capriata del tetto e quindi consegna tutte le unità abitative. Questo è possibile con un massimo di 12 collegamenti!

Qui

alcuni termini comuni

* Combinatori di antenne multiple ASM
* Combinatore / splitter per antenne a banda larga
* Splitter per antenna ASA onda corta
* Ricevitore a onde corte ASA
* AAS— distributori di segnali di antenna multipli
Per una perfetta ricezione dei programmi televisivi e radiofonici, naturalmente è necessario qualcosa di più di un semplice ricevitore.

Ho bisogno di un ricevitore se ho il cavo?

Se la vostra casa è dotata di TV via cavo, in genere non sono necessari ricevitori aggiuntivi. Tuttavia, se si riceve via satellite, l’acquisto di un ricevitore è inevitabile, a meno che non sia già integrato nel televisore. Molti ricevitori portano anche i giochi per passare il tempo.

Conclusione:
Anche con un semplice destinatario, come si potrebbe pensare, è necessario consultare in anticipo uno specialista o ottenere informazioni dalla rete o dai negozi specializzati. Prestare particolare attenzione alla qualità e alla qualità dei componenti, alla possibilità di aggiornamenti, ecc. Si dovrebbe anche conoscere il numero di dispositivi da distribuire, possibilmente già in vista dei prossimi anni.