Smartphone con sensore di impronte digitali

Test & confronto Smartphone con sensore di impronte digitali.

Cos’è uno Smartphone con sensore di impronte digitali?

Uno smartphone è un piccolo computer che di solito sta in una normale tasca. Questo piccolo computer ha molte funzioni, sensori e possibilità. Una di queste è la funzione telefono, da cui il nome del dispositivo. Nel linguaggio comune, lo smartphone viene anche chiamato cellulare. Come già detto, lo smartphone ha molte funzioni e sensori. Un sensore è il sensore delle impronte digitali. Questo sensore può controllare tutti i tipi di funzioni, a seconda del sistema operativo dello smartphone. Gli smartphone più vecchi a volte avevano solo un sensore di impronte digitali. Le differenze tra uno scanner e un sensore di impronte digitali possono essere lette nella sezione relativa alle nuove funzioni. Per scoprire quali funzioni possono essere controllate con il sensore di impronte digitali, vedere la sezione Test dell’uso dello Smartphone con sensore di impronte digitali.

Requisiti per uno smartphone con sensore di impronte digitali?

In generale si può dire che la grande sfida quando si implementa un sensore di impronte digitali è la facilità d’uso dello smartphone. Tuttavia, questo va in combinazione con una serie di requisiti aggiuntivi. In primo luogo, l’impronta digitale che deve servire da riferimento deve in qualche modo finire nello smartphone. Ciò significa che anche l’impostazione dovrebbe essere facile. Pertanto è necessaria un’elevata precisione per leggere i dettagli fini sulle dita. Inoltre, un sensore di impronte digitali deve essere sicuro. Non dovrebbe essere possibile superarlo in astuzia con mezzi semplici. Inoltre, deve funzionare rapidamente. Naturalmente, è molto fastidioso se si mette un dito sul sensore e si passa qualche secondo fino a quando lo smartphone esegue l’azione desiderata.

Portata di uno smartphone con sensore di impronte digitali?

In realtà non ci sono limiti alle possibilità di utilizzare un sensore di impronte digitali. Le applicazioni già comuni sono lo sblocco dello smartphone, il pagamento con lo smartphone, l’acquisto di applicazioni, lo sblocco di applicazioni con lo smartphone. Questo sensore dovrebbe, ad esempio, rendere estremamente difficile per i ladri sbloccare lo smartphone. Se il ladro non riesce a sbloccarla, ha poche possibilità di rimuoverla e prepararla per la rivendita. In linea di principio, l’uso di un sensore di impronte digitali è utile ovunque sia necessario per garantire che il legittimo proprietario dello smartphone faccia funzionare il dispositivo. Ciò vale in particolare per le suddette funzioni offerte da uno smartphone.

La nostra Top 10 – Smartphone con sensore di impronte digitali

[/atkp_list

<h2class=“western long=“zxx“>Wat zijn de alternatieven voor de Smartphone met vingerafdruksensor?

Per alcune funzioni offerte da uno Smartphone, è importante che l’operazione sia eseguita dal legittimo proprietario del dispositivo. Questo sarebbe il caso, ad esempio, quando si sblocca e si paga. Ma quali sono le alternative al sensore di impronte digitali? Ci sono molte alternative al sensore di impronte digitali. Per esempio, FaceID, che è stato introdotto da una grande azienda di Cupertino, è uno di questi. Qui vengono proiettati sul viso fino a 30.000 piccoli punti a infrarossi. Le informazioni di altezza e profondità che ne risultano sul viso assicurano che solo la persona autorizzata utilizzi la funzione corrispondente. Un’altra alternativa sarebbe un codice PIN o un codice alfanumerico. A seconda della lunghezza del PIN o del codice, è molto complicato inserirlo sempre.

Quali produttori per Smartphone con sensore di impronte digitali? esiste?

Quasi tutti gli smartphone di fascia media hanno ora un sensore di impronte digitali a bordo. Il produttore con il più ampio portafoglio e il maggior numero di dispositivi sul mercato è Samsung. Samsung ha iniziato con gli scanner di impronte digitali nei suoi telefoni cellulari. Tuttavia, dopo un certo numero di modelli, Samsung si è resa conto che i sensori di impronte digitali erano più adatti agli smartphone grazie al loro funzionamento. Il produttore che ha utilizzato i sensori di impronte digitali è stato la svolta, ma la Apple. Dopo l’iPhone 5s, Apple ha installato un sensore di impronte digitali nel pulsante Home. Questa funzione viene chiamata in Apple TouchID. Naturalmente, anche altri produttori di smartphone come LG, Huawei, Sony ecc. utilizzano sensori di impronte digitali. sensori di impronte digitali. Il produttore che preferite dipende da voi. Ognuno dovrebbe testare il proprio smartphone con il sensore di impronte digitali.

Quali sono le innovazioni nel campo degli Smartphone con sensore di impronte digitali?

Come già descritto nella parte superiore, gli scanner per impronte digitali sono stati utilizzati principalmente alcuni anni fa. Ciò ha reso necessario tirare lentamente il dito in questione sopra lo scanner. Questo ha creato un’immagine. Ma un sensore di impronte digitali funziona in modo diverso. È in grado di catturare l’intera impronta digitale in una sola volta e questo si traduce in un notevole guadagno in termini di comfort. Inoltre, i primi sensori erano ancora piuttosto lenti. Lo sblocco dello smartphone con il TouchID di prima generazione ha richiesto un secondo. Questa volta, il TouchID di seconda generazione è stato notevolmente migliorato ed è quasi inesistente. Il dito viene tirato e senza ritardi evidenti il dispositivo viene sbloccato.

Vantaggi quando si acquista uno smartphone con sensore di impronte digitali su Internet.

I vantaggi dell’acquisto di uno smartphone con sensore di impronte digitali su internet sono gli stessi di altri dispositivi tecnici. Prima di tutto, naturalmente, si ha una scelta più ampia di fornitori e quindi la possibilità di prezzi più bassi. Al contrario di un giornale, si ha attraverso vari I portali per le merci classificate o usate hanno accesso a dispositivi molto più diffusi e può essere possibile ottenere smartphone a malapena usati con sensori di impronte digitali ad un prezzo significativamente più basso.

A cosa bisogna prestare attenzione quando si acquista uno smartphone con sensore di impronte digitali?

La condizione esterna dell’intero dispositivo è ovviamente importante. L’apparecchio ha molti graffi o è ammaccato? Gli angoli degli smartphone sono particolarmente sensibili ai graffi e alle ammaccature, perché di solito ci cadono sopra quando il dispositivo viene fatto cadere. Il display è incrinato e intatto? Naturalmente, si dovrebbe anche dare una buona occhiata al sensore di impronte digitali o al suo coperchio. Se è troppo graffiata o danneggiata in altro modo, può portare a interpretazioni errate e la vostra impronta digitale sarà più difficile da riconoscere. Dal punto di vista del software, è importante che lo smartphone sia già stato resettato alle impostazioni di fabbrica al momento dell’acquisto, in quanto alcuni smartphone sono dotati di meccanismi di sicurezza che impediscono il reset in caso di dispositivi rubati.

Accessori utili per smartphone con sensore di impronte digitali

La maggior parte delle apparecchiature che si possono acquistare dai migliori produttori è fatta di vetro e metallo, quindi una copertura protettiva sarebbe la prima da menzionare. È lo smartphone che può essere caricato tramite induzione, è importante che la copertura non sia troppo spessa, altrimenti questa funzione andrà persa. Inoltre, le pellicole protettive sono molto importanti per la proteggere il display. Oltre agli accessori già citati, sono disponibili un’infinità di altri accessori. Un elenco esaustivo non è attualmente possibile.

[variabili di codice breve lumaca=“youtube“]