Sintetizzatore

Zuletzt aktualisiert am 16. September 2020 um 20:33 . Wir weisen darauf hin, dass sich hier angezeigte Preise inzwischen geändert haben können. Alle Angaben ohne Gewähr.

Test & confronto Sintetizzatore.

Definizione

Un sintetizzatore è uno strumento musicale che produce suoni elettronici per mezzo della cosiddetta sintesi. Si distingue tra sintetizzatori analogici e digitali.

Sintetizzatori analogici (monofonici)

Il primo sintetizzatore fu realizzato da un signore di nome Robert Moog e fu presentato per la prima volta all’Audio Engineering Society Convention (AES) nel 1964.

Alla fine degli anni Sessanta uscirono molte registrazioni che utilizzavano il nuovo suono Moog di allora. Famoso è diventato il pezzo POPCORN, che è diventato un successo mondiale ed è stata la prima canzone nella storia della musica ad essere realizzata interamente con il sintetizzatore Moog. Anche i Beatles hanno usato un Moog quando hanno registrato il loro album ABBEY ROAD per dare al coro finale di Here Comes the Sun un suono speciale.

Robert Moog, tuttavia, non solo ha fondato una nuova era del suono, ma ne ha anche fornito il background tecnico, ad esempio sviluppando un’interfaccia per il controllo esterno tramite il controllo logaritmico del passo. I sintetizzatori erano controllati tramite una normale tastiera, o tramite un sequencer, dove le sequenze di pitch potevano essere programmate a tempo e quindi controllate tramite questa interfaccia.

Tuttavia, poiché il sistema modulare Moog Modular System era troppo grande e ingombrante per l’uso scenico e dal vivo, Robert Moog integrò i componenti di base del sintetizzatore in un alloggiamento più compatto, gli diede il nome di Minimoog e lo lanciò nel 1970: il Minimoog iniziò la sua trionfale parata e negli anni successivi divenne uno dei sintetizzatori più popolari, approvato in tutto il mondo.

Sintetizzatori analogici (polifonici)

I primi sintetizzatori erano monofonici. Solo pochi C’è un uso minimo di „l’uno contro l’altro sintonizzazione“ degli oscillatori (effetto stonatura).

Il generatore di suoni

Il rumore bianco è definito come rumore bianco quando tutte le frequenze udibili in una miscela sonora si verificano in proporzioni approssimativamente uguali. Il rumore colorato, per esempio il rumore rosa, è un disturbo deliberato di questa distribuzione di frequenza uguale (quando un’area di frequenza è dominante o meno dominante). Alcuni sintetizzatori hanno la capacità di produrre suoni dove predominano le basse frequenze. Questo rumore può essere utilizzato anche come sorgente di modulazione. In questo modo si creano suoni insoliti e interessanti.

Filtro controllato in tensione (VCF)

L’effettiva formazione del suono avviene in VCF. Il filtro più comune è il filtro passa-basso (LPF). Il filtro passa-alto (HPF) funziona esattamente al contrario. Collegando in serie i filtri passa-basso e passa-alto si crea un filtro passa-banda (BPF). La controparte, un filtro passa banda, è realizzata collegando LPF e HPF in parallelo. Qui una speciale banda di frequenza viene attenuata mentre le altre componenti di frequenza passano senza ostacoli.

Amplificatore controllato in tensione (VCA)

Il VCA controlla la dinamica dei parametri sonori in funzione della tensione. Nel sintetizzatore, il VCA è controllato principalmente dal generatore di inviluppi. Tuttavia, la maggior parte dei produttori di sintetizzatori non usano il VCA come un vero amplificatore, ma solo come attenuatore – è quindi più spesso chiamato Attenuatore a controllo di tensione. Solo i sistemi modulari Moog hanno sia l’amplificazione che l’attenuazione al lavoro.

Il generatore di buste

I generatori di inviluppi producono sequenze di tensione che sono programmabili e utilizzate tramite il VCA per controllare la dinamica del suono. Nella maggior parte dei casi, quattro diversi parametri possono essere programmati in generatori di inviluppi: Tempo di attacco, tempo di distruzione, volume (livello di durata) e decadimento (tempo di rilascio). Questi parametri possono essere modificati con il controllo „Livello“. L’abbreviazione risultante ADSR proviene dalle quattro fasi della busta: Attacco, Decadimento, Sostenibilità, Rilascio.

La modulazione

L’LFO (Low Frequency Oscillator) è costituito da un oscillatore a bassa frequenza regolabile. Quando il VCF viene modulato con le diverse forme d’onda dell’LFO, si possono creare diversi effetti come wah-wah o phaser accoppiando due filtri, per esempio in bandpass o band-stop. Modulando il VCA con segnali LFO sinusoidali o triangolari, si crea un tremolo. Con un segnale ad onda di blocco dell’LFO viene data una ripetizione permanente del tono, creando il cosiddetto effetto mandolino.

Campione-e-e-tenuta

Qui un campione di un segnale rumoroso viene prelevato ad intervalli regolari e registrato come livello di tensione. Il controllo VCO con un tale segnale fa sì che l’intonazione cambi in modo casuale, mentre il controllo VCF (modulazione spettrale) rende i suoni sempre più chiari e scuri. Il risultato è un suono „gorgogliante“ o a distanza basato sulla voce.

Seguace della frequenza

Questo modulo converte il passo di un segnale in una corrispondente tensione di controllo. Quindi funziona esattamente l’opposto di un VCO.

Seguace della busta

Questo modulo converte un volume o una frequenza in una curva di tensione corrispondente.

Modulatore ad anello

Un modulatore ad anello moltiplica due segnali insieme. Il segnale risultante è costituito dalla somma e dalla differenza delle frequenze delle armoniche di entrambi i segnali di ingresso. Con semplici proporzioni di frequenze ai segnali si ottengono solitamente anche suoni armonici. Se, tuttavia, si scelgono rapporti di frequenza complicati, si producono, ad esempio, suoni metallici o campanellari. La flessibilità della modulazione ad anelloLa conversione elettronica diretta di qualsiasi risultato sonoro lo rende particolarmente adatto al funzionamento LIVE.

Filtro di risonanza

Questo modulo viene utilizzato per la visualizzazione elettronica dei formanti (parti caratteristiche di un suono).

Sequenziatori analogici

Producono sequenze di tensione di controllo automatico e segnali di trigger che possono essere utilizzati per pilotare qualsiasi modulo di sintetizzatore controllato in tensione. I sintetizzatori analogici possono anche essere controllati da sequenziatori digitali. Questi sequenziatori digitali sono oggi controllati a loro volta da microprocessori. Si fa quindi una distinzione tra i sequenziatori hardware e software.

Modulazione di frequenza del sintetizzatore digitale

Una rivoluzione è stata l’invenzione dei sintetizzatori con la generazione digitale del suono, inizialmente tramite la sintesi FM. In linea di principio ciò era possibile anche con gli oscillatori analogici, ma è solo negli anni Settanta che si è sviluppata la forma digitale. Il vantaggio di quest’ultima è stata la facile applicazione della sintesi FM: nella sintesi FM, gli oscillatori digitali (i cosiddetti operatori) generano diverse oscillazioni sinusoidali che si modulano a seconda di un algoritmo selezionato, dando luogo a forme di oscillazione complesse. Una caratteristica particolare della sintesi FM, in contrasto con la sintesi sottrattiva utilizzata all’epoca, era la sua capacità di produrre suoni particolarmente ricchi di sfumature e percussioni.

Il brevetto per la sintesi FM è stato concesso in licenza dal produttore giapponese di strumenti musicali Yamaha. Nel 1983 apparve il sintetizzatore DX7, destinato a rivoluzionare l’intero mercato, che inizialmente sostituì il sintetizzatore analogico. Era „il“ sintetizzatore degli anni Ottanta, e difficilmente si può trovare una registrazione di musica pop di quel periodo su cui non si possa sentire nessun DX7.

Campionamento del suono

Un’altra rivoluzione è stata il campionamento. Durante il campionamento, i suoni naturali vengono digitalizzati – campionati. Queste forme d’onda digitali costituiscono quindi la base della generazione del suono. Il campionatore ha improvvisamente reso possibile ciò che prima era possibile solo con il mellotrone analogico (che veniva azionato con nastri magnetici).

Il tecnico Le capacità di riproduzione erano inizialmente limitate dalla bassa risoluzione e dalla capacità di memorizzazione. Peter Gabriel e Kate Bush hanno pubblicato le prime registrazioni nel 1982, sulle quali si possono ascoltare i suoni „campionati“. Poi, nel 1985, è stato lanciato MIRAGE di Ensoniq, il primo campionatore accessibile alle masse. Il campionamento ha formato così il suono della musica pop negli anni ’80 – oggi i computer e le schede audio molto più veloci e potenti consentono di caricare e utilizzare ampie librerie di campionamento per arrangiamenti musicali controllati dal computer.

Postazioni di lavoro

Nel 1987 Roland lanciò sul mercato un sintetizzatore che divenne molto popolare grazie alle sue capacità di generazione del suono (campionamento e modulazione). Pochi istanti dopo, KORG ha continuato questa filosofia di fusione con la loro M1: hanno presentato un sintetizzatore, o meglio un nuovo tipo, una collezione di dispositivi: La „Workstation“ – Qui, per la prima volta, un sintetizzatore, un’unità di effetti, un drum computer e un sequencer sono stati integrati in un unico dispositivo. Ciò ha reso possibile la creazione di sequenze musicali complete in un unico dispositivo, senza hardware esterno aggiuntivo.

Sintetizzatore di modellazione fisica

All’inizio degli anni Novanta, i primi sintetizzatori sono arrivati sul mercato con un nuovo tipo di metodo di sintesi, la modellazione fisica. La sintesi del PM tenta di simulare digitalmente una generazione sonora „naturale“ utilizzando descrizioni matematiche. Ciò significa che si calcola prima come, ad esempio, si comportano le vibrazioni dell’aria in una tromba o la corda di un violino vibra, e poi „costruisce“ un complesso algoritmico matematico che dovrebbe produrre lo stesso risultato. Il risultato viene poi chiamato ciò che l’ambiente del sintetizzatore emula – e pronto è la copia perfetta di un suono naturale attraverso il miracolo della matematica.

Questo principio, certamente noto da tempo, poteva essere applicato solo quando l’algoritmo Karplus-Strong è stato sviluppato. Per il calcolo in tempo reale erano necessari potenti processori di segnale digitale (DSP), ma questi erano disponibili solo alla fine degli anni ’80.

Come per la sintesi FM, la Yamaha si è assicurata i diritti di questa sintesi e dal 1989 ha sviluppato questo processo di sintesi insieme all’Università di Stanford. Il primo sintetizzatore con questa tecnica è entrato in produzione di massa nel 1994. Questa tecnica è stata presto utilizzata per cercare di digitalizzare vecchi modelli analogici. Tra questi vi sono il Clavia Nord Lead, il Virus di accesso e i sintetizzatori della Waldorf Music. Dopo i suoni dei sintetizzatori digitali degli anni Ottanta, c’è stata una rinascita dei sintetizzatori analogici o dei loro suoni negli anni Novanta, soprattutto con l’avvento della musica techno. Sintetizzatori come il TB-303 di Roland, che in precedenza era diventato quasi privo di valore, sono stati così notevolmente aumentati di nuovo di valore.

Sintetizzatore ibrido

La maggior parte dei sintetizzatori al giorno d’oggi sono completamente digitali. Essi utilizzano blocchi di costruzione DSP per la generazione del suono e le diverse forme di sintesi del suono vengono utilizzate contemporaneamente.

Negli ultimi anni sono stati sviluppati sempre più i cosiddetti sintetizzatori ibridi che combinano i DSP con componenti analogici. Il concetto del sintetizzatore ibrido risale agli anni Ottanta e combina brevi campioni digitali o forme d’onda additive con filtri analogici. Ad esempio, il SY99 della Yamaha è stato in grado di immettere campioni carichi nella sintesi FM. Le forme d’onda risultanti possono poi essere elaborate in modo sottile (filtri), combinando i campionatori e la sintesi digitale FM con la generazione di suoni sottrattivi.

Software

Sintetizzatore

Al giorno d’oggi, i cosiddetti „sintetizzatori software nativi“ sono molto popolari. Grazie alla potenza dei moderni PC è possibile creare suono digitale su processori non specializzati. Nel frattempo, ci sono diversi sintetizzatori software per ogni tipo di sintesi. Molte sono emulazioni dell’analogico modelli storici.

Questi sintetizzatori software sono controllati e riprodotti da una tastiera master, da un pad controller o da una manopola.