Acquario Filtro interno

Test & confronto Acquario Filtro interno.

Senza un filtro adeguato, il funzionamento di un acquario è praticamente impossibile. Il filtro è urgentemente necessario per creare e mantenere le basi per un biosistema ben funzionante nell’acqua. Un filtro interno per acquari funziona meccanicamente e biologicamente. Le particelle di sporco vengono filtrate dall’acqua che scorre attraverso il filtro, i batteri si depositano nel materiale filtrante utilizzato, scompongono le particelle di sporco e garantiscono così una qualitĂ  sana dell’acqua. Oltre al filtro interno, che qui è l’argomento, è disponibile anche un sistema di filtraggio esterno. Quale filtro utilizzare quando dipende dalle dimensioni e dal tipo di acquario. Se l’acquario ha una capacitĂ  di oltre 100 litri, nella maggior parte dei casi si utilizzano filtri esterni. Per un piccolo acquario, i filtri interni sono utilizzati molto piĂą spesso. I filtri interni sono particolarmente adatti per i nuovi arrivati, perchĂ© i filtri sono facili da gestire e sono disponibili ad un prezzo contenuto.

Funzione e costruzione di un filtro interno

Un filtro interno funziona con una cosiddetta pompa centrifuga, questa pompa conduce l’acqua attraverso il materiale filtrante (di solito lana filtrante). Il sistema di filtraggio meccanico cattura le particelle di sporco esistenti e le scompone a causa dei batteri che vi si sono insediati. Il vantaggio di un filtro interno, è la sua piccola dimensione, i filtri interni aspirano l’acqua nella parte inferiore e rilasciano l’acqua filtrata in superficie. Per il fissaggio vengono utilizzate ventose o vari dispositivi di sospensione. Un filtro interno è costituito da diversi componenti separati: Un contenitore per filtri, in cui si trova la massa del filtro. La testa del filtro contiene la piccola pompa centrifuga o un altro motore di azionamento. La maggior parte dei I filtri interni funzionano con un motore elettrico, ma sul mercato esistono anche modelli di filtri azionati ad aria. Naturalmente deve essere disponibile un cavo per l’utilizzo del motore del filtro con l’elettricitĂ . Una girante spinge l’acqua verso l’esterno sull’alloggiamento del filtro dopo il filtraggio. Alcuni modelli di filtro hanno un ugello diffusore supplementare, questo ugello aspira l’aria e la conduce alla piscina contemporaneamente all’acqua pulita.

Vantaggi del filtro interno dell’acquario

– facile da installare
– Pulizia e manutenzione molto facile
– dimensioni minime
– molto buono per i nuovi arrivati
– significativamente piĂą economico di un filtro esterno
– Diffusore

La nostra Top 10 – Filtri interni dell’acquario

Pulizia del materiale del filtro

Il filo interdentale utilizzato nel filtro interno dovrebbe, se possibile, essere lavato in acqua ad una temperatura simile a quella dell’acquario, in modo da trattenere una parte dei batteri benefici. Basta spremere un paio di volte il filo interdentale del filtro, è possibile utilizzare l’acqua di scarico del serbatoio. Il filtro interno dovrebbe avere solo piccole aperture di aspirazione, a seconda dei pesci nell’acquario, altrimenti i pesci piccoli possono essere risucchiati.
Prima di iniziare a pulire il serbatoio e di raggiungere l’acqua, si dovrebbe, ad esempio, staccare il filtro dall’alimentazione elettrica. Anche se l’attrezzatura è impermeabile, ci può sempre essere un incidente e, come tutti sappiamo, elettricitĂ  e acqua non sono compatibili.
Pulire il filtro troppo spesso può fare più male che bene.

Prima dell’acquisto / Test del filtro interno dell’acquario

Controllate quanta acqua entra nel vostro acquario e scegliete un filtro interno adatto. Un filtro con capacitĂ  troppo elevata

Materiale del filtro per filtri interni

Filtrazione meccanica
La maggior parte delle persone che hanno un utilizzare il filtro interno, mettere ghiaia, sabbia o plastica varia nel serbatoio del filtro per la filtrazione grossolana. A causa delle dimensioni della superficie, i batteri si depositano rapidamente sui componenti del filtro meccanico, quindi la filtrazione grossolana svolge giĂ  un ruolo importante nella depurazione biologica dell’acqua.
Il filtraggio biologico avviene in modo completamente automatico in ogni acquario, questo viene effettuato da batteri che si insediano in tutta l’acqua, soprattutto naturalmente nel filtro. I batteri abbattono i prodotti di scarto nocivi.

Filtrazione chimica
La filtrazione chimica può essere effettuata, ad esempio, con carbone attivo o torba. Anche queste due sostanze vengono riempite nel serbatoio del filtro, questo tipo di filtro non dovrebbe mai essere usato per piĂą di 14 giorni. La torba si rompe dopo questo tempo e inquina notevolmente l’acqua. Il carbone attivo rimuove una tinta giallastra e filtra i farmaci dall’acqua.

A seconda delle dimensioni del filtro, nel serbatoio del filtro si possono utilizzare insieme diversi materiali filtranti, ma qui è necessario informarsi dettagliatamente sulle proprietĂ  dei materiali filtranti. Non tutti i filtri interni sono adatti a questo uso. Se il materiale del filtro deve essere nuovo, non cambiarlo tutto in una volta, altrimenti si rimuoveranno tutti i batteri che giocano un ruolo importante nel biosistema. Se si preferisce sostituire la lana filtrante ecc. in due fasi di lavoro con un intervallo di 14 giorni, il 50% ciascuna, i batteri possono depositarsi nel nuovo materiale filtrante prima che la seconda parte venga rinnovata. L’ecosistema vi ringrazierĂ  per questo.

Il filtro interno deve mettere in movimento la superficie in modo da poter assorbire una quantitĂ  sufficiente di ossigeno e le dannose perdite di monossido di carbonio.